Logo AUDIS

La Regione Toscana riforma la legge sul governo del territorio

La Regione Toscana riforma la legge sul governo del territorio

La Regione Toscana ha riformato la legge urbanistica del 2005 con una nuova legge sul governo del territorio approvata in Consiglio regionale lo scorso 29 ottobre. Il risultato raggiunto è frutto di un lungo percorso costruito con incontri di concertazione e sedute di commissione, che ha concluso il proprio iter con il voto in aula del 29 ottobre e che era iniziato formalmente il 21 giugno 2011 con l'approvazione del documento d'indirizzo in Consiglio regionale, consolidatosi con l'approvazione in giunta della proposta di articolato il 30 settembre 2013.
La nuova legge fa leva sul freno al consumo di nuovo suolo, sulla riqualificazione dell'esistente nei terreni urbanizzati, sulla tutela del territorio agricolo da trasformazioni non agricole, e sulla pianificazione di area vasta.
Nell'insieme il testo risponde all'esigenza di mantenere la "governance territoriale", quale modello di relazioni tra soggetti pubblici competenti in materia di governo del territorio nel rispetto del principio di sussidiarietà, differenziazione e adeguatezza, e cerca di garantire al contempo una maggiore responsabilizzazione di ciascun soggetto. È emersa dunque la necessità di rendere effettivo il principio già presente nella legge 1/2005 per il quale nuovi impegni di suolo sono ammessi solo se non sussistono possibilità di riuso degli insediamenti e delle infrastrutture esistenti, codificando dispositivi e procedure volti a contrastare il consumo di nuovo suolo.
Per l’Assessore Anna Marson "questa nuova legge pone la Toscana come innovatrice rispetto a un dibattito nazionale che vede più proposte di norme per contrastare il consumo di suolo. Una innovazione intesa come riforma delle regole che avvicina la Toscana alle più avanzate normative europee".
"Il lavoro che ha portato all'approvazione di questa legge è stato lungo e dialettico – ha detto ancora l'assessore - e ha visto l'impegno di molte persone. In questo percorso ci sono state modifiche che non hanno però inficiato l'impostazione iniziale, e sono orgogliosa che alcuni principi e dispositivi siano divenuti, come è emerso da molti degli interventi in aula, patrimonio comune".


Per approfondire cliccate sui link qui di seguito:

LINK 1

LINK 2


(pubblicato il 4 dicembre 2014)

04/12/2014
© 2018 AUDIS - Tutti i diritti riservati