Logo AUDIS

Taranto. 5 milioni di euro per il rilancio del lungomare e per Palazzo De Bellis

Taranto. 5 milioni di euro per il rilancio del lungomare e per Palazzo De Bellis

E' stata firmata in questi giorni Presso la Direzione Urbanistica della Regione Puglia la convenzione riguardante il bando Sisus (Strategia integrata di Sviluppo Urbano Sostenibile) che dà il via al cronoprogramma per l'inizio dei lavori per il rilancio del lungomare di via Garibaldi e per Palazzo De Bellis in Città Vecchia, per i quali sono stati stanziati 5 milioni di euro. 

La direzione Urbanistica ha adesso 120 giorni per presentare il progetto di rigenerazione urbana sostenibile.   

La Strategia Integrata di Sviluppo Urbano Sostenibile - SISUS è stata sviluppata dal Comune di Taranto in virtù del bando pubblico per la selezione delle Aree Urbane e per l’individuazione delle Autorità in attuazione dell’asse prioritario XII – Sviluppo urbano sostenibile SUS del POR FESR – FSE 2014/2020 approvato con Deliberazione di Giunta Regionale maggio 2017, n. 650. 

“La scelta del sindaco Melucci - commenta l’assessore all’urbanistica Ubaldo Occhinegro - é ricaduta sulla riconfigurazione e la valorizzazione degli spazi pubblici, dei giardini, dei pontili e dei marciapiedi della città vecchia che si affacciano su Mar Piccolo, che oggi versano in condizioni di fatiscenza nonostante possono rappresentare uno dei tasselli piú rilevanti nel quadro della rigenerazione urbana dell'isola. Inoltre tramite la stessa misura sarà recuperato il bellissimo Palazzo De Bellis, su via Duomo, attualmente occupato, che rappresenterà un altro baluardo della cultura e della socialità del centro antico”. 

Questi fondi si vanno ad aggiungere ai circa 90 milioni del CiS, ai 17 milioni per il restauro ed ammodernamento delle case popolari su via Garibaldi, ai 20 milioni per il social housing, sempre stanziati su città vecchia per il recupero del tessuto urbano di via di mezzo, sino alla chiesetta di S. Michele, per i quali si attende dal governo la definitiva approvazione della delibera CIPE.


© 2018 AUDIS - Tutti i diritti riservati