Logo AUDIS

[Tempi di Covid-19] Costretti negli spazi privati, riscopriamo l’importanza del progetto dello spazio pubblico urbano

[Tempi di Covid-19] Costretti negli spazi privati, riscopriamo l’importanza del progetto dello spazio pubblico urbano

La forza delle città è essenzialmente nella possibilità che offre alle persone di stare insieme e di agire in modo congiunto. La condizione di isolamento forzato che stiamo sperimentando in questi giorni ci può aiutare a renderci conto non solo di quanto le nostre vite siano interdipendenti, ma anche e soprattutto di come gli spazi collettivi e i territori in generale si alimentino essenzialmente del nostro vivere condiviso.

Usciremo da questa situazione più consapevoli di prima del fatto che un progetto urbano è prima di tutto e soprattutto un attivatore di relazioni e connessioni sociali che costruiscono luoghi, danno senso agli spazi, contenuto ai contenitori. L'esperienza che stiamo vivendo potrà e dovrà indurre anche un diverso orientamento dei nostri progetti, tenendo conto di tre parole chiave: fragilità, flessibilità e felicità.

  • Ci stiamo rendendo conto di essere in generale una umanità fragile che include al suo interno una componente ancora più fragile, la cui protezione è affidata più di quanto pensavamo ai comportamenti e alle sensibilità che vengono adottati dalla maggioranza del “gregge” nella vita quotidiana.
  • Ci scopriamo anche sempre troppo ottimisti rispetto alla possibilità di prevedere e controllare gli eventi: di fronte agli imprevisti, dovremmo concepire e organizzare gli spazi rendendoli strutturalmente adattabili ad esigenze mutevoli e facendo diventare questa competenza adattiva una componente indispensabile della cultura progettuale.
  • Infine tocchiamo con mano che l'energia necessaria ad affrontare i problemi – a cominciare da quelli che paiono più intrattabili – si genera trasformando l'istinto di conservazione individuale in un desiderio di felicità collettiva. Quello stesso desiderio che in questi giorni ci porta a uscire sui balconi, inventandoci con voci e suoni un modo non consueto di far vivere la città e rassicurarci che tutto andrà bene.

Paolo Cottino, Direttore tecnico e amministratore di KCity rigenerazione urbana
Milano, 20 marzo


24/03/2020 KCity
© 2018 AUDIS - Tutti i diritti riservati