Logo AUDIS

Modena. Nuovi piani di valorizzazione e rigenerazione urbana

Modena. Nuovi piani di valorizzazione e rigenerazione urbana

Il recupero dell’immobile di via Bonacorsa 20, di circa 1.650 metri quadri, per realizzarvi uno studentato universitario; il complesso dell’ex Colombofili in viale Monte Kosika, nell’area del parco Novi Sad, per attività dell’associazionismo ricreativo e sportivo; un’area di 2.500 metri quadri di Palazzo Solmi, da destinare, dopo aver completato gli interventi di restauro, a uffici pubblici e attività culturali; il recupero della settecentesca Chiesetta Ricci, in viale Finzi, per inserirla nei percorsi storici, culturali e religiosi della città.

Sono i quattro beni culturali del Demanio dello Stato destinati a diventare di proprietà comunale grazie al percorso avviato dal Comune di Modena negli anni scorsi con il cosiddetto Federalismo demaniale: in settembre sono stati sottoscritti i preaccordi di valorizzazione, mentre il Consiglio comunale ha approvato lo scorso 17 ottobre, l’acquisizione dei beni culturali al patrimonio dell’ente per poter concludere il passaggio della proprietà.

La delibera è stata presentata dall’assessora al Patrimonio Debora Ferrari sottolineando come tutti i progetti di valorizzazione siano all’insegna della rigenerazione urbana e abbiano l’obiettivo di risolvere o prevenire situazioni di degrado. “Interveniamo sul patrimonio culturale della città – ha spiegato Ferrari – creando nuove opportunità e coinvolgendo, con percorsi di evidenza pubblica, i soggetti del territorio chiamati a collaborare negli specifici interventi”.

Le richieste di acquisizione risalgono al 2011 per Chiesetta Ricci e Palazzo Solmi, al 2015 per Bonacorsa, al 2016 per l’ex Colombofili.


29/10/2019
© 2018 AUDIS - Tutti i diritti riservati