Logo AUDIS

OICR e investimenti urbani a partire dal PUMS della città metropolitana di Milano

OICR e investimenti urbani a partire dal PUMS della città metropolitana di Milano

Nell’agosto scorso InvestItalia, la struttura di missione di cui si avvale il Presidente del Consiglio dei Ministri per il coordinamento delle politiche del Governo in materia di investimenti pubblici e privati, a seguito di un avviso pubblico per la raccolta di modelli per il rilancio degli investimenti, ha ritenuto meritevole di approvazione il progetto “OICR e investimenti urbani. Modello per la realizzazione d’infrastrutture con il concorso d’investimenti privati, a partire dal PUMS della Città Metropolitana di Milano”, presentato da  AUDIS insieme alla Città metropolitana di Milano e all’Università di Parma.

L’obiettivo del progetto è dimostrare che, tramite i fondi comuni d’investimento “etici”, è possibile convogliare risparmio nel territorio per attuare, in tempi rapidi e certi e senza debito a carico dello Stato, quei progetti complessi, come i Piani Urbani della mobilità sostenibile, che richiederebbero, in alternativa, ingenti trasferimenti dello Stato in tempi per lo più imprevedibili ed in misura per lo più insufficiente per affrontare con efficacia sfide come la transizione verso nuove forme di mobilità e nuove forme di distribuzione delle merci nel cosiddetto “ultimo miglio”.

Si vorrebbe, al riguardo, far leva su una tendenza “globale” della finanza, cosiddetta ad impatto sociale ed ambientale, che per effetto della pressione di risparmiatori sempre più responsabili pone al primo posto non il profitto, ma il conseguimento di risultati rilevanti per la società come, in questo caso, la liberazione dei centri urbani dalle auto in sosta, la diffusione dell’uso della bicicletta, la distribuzione delle merci con mezzi non inquinanti; in sintesi il miglioramento delle condizioni di vita nelle città con particolare riferimento alla qualità dell’aria e alla fruizione dello spazio pubblico.

Alla fase di studio attualmente in corso, nella quale la Città Metropolitana di Milano predisporrà un catalogo degli asset da apportare al futuro fondo comune d’investimento, seguiranno la ricerca di soluzioni funzionali ed economiche che possono essere d’interesse per il mercato e l’esplorazione dell’ambiente finanziario per individuare eventuali investitori istituzionali.   

 

Roberto Nastri


23/09/2020 audis finanza etica
© 2018 AUDIS - Tutti i diritti riservati